Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for marzo 2011

Avrei voluto scrivere mille articoli in questi giorni, ma purtroppo la mancanza di tempo e il buon senso me lo hanno impedito (buon senso perché molte cose mi hanno talmente schifata e innervosita che avrei rischiato delle querele). Tornata un po’ di calma nel mio animo vi segnalo una bella iniziativa per aiutare moralmente i nostri amici giapponesi:

-Mille gru per il Giappone-

Le Mille gru di origami (千羽鶴, Senbatsuru) sono un insieme di mille gru di origami unite tra loro con delle corde.

Un’antica leggenda giapponese promette che chiunque faccia mille gru di carta otterrà che si realizzi un desiderio, come ad esempio una vita lunga o la guarigione da un’infermità.

Il progetto del blog http://1000gru.wordpress.com/ è di creare mille gru virtuali tramite le foto delle vostre creazioni di origami pubblicate sul medesimo per dare un conforto psicologico a chi è stato colpito dal recente disastro, per dimostrargli che i nostri pensieri sono rivolti a loro. Ispirato dall’idea di una giapponese residente in Spagna il progetto è approdato anche da noi in Italia.  Troverete sul blog anche il tutorial per chi è alle prime armi con l’arte di piegare la carta.

Nella Pagina “altro” troverete anche link a siti che vi danno la possibilità di fare donazioni per le vittime del terremoto,  ve ne riporto alcuni a seguito:

Croce Rossa Italiana

Google

Paypal

Read Full Post »

Ultimamente mi è capitato più volte di leggere articoli relativi al Giappone, la Mazda che ritira 65.000 vetture perchè i serbatoi erano infestati dai ragni,  il ministro giapponese degli esteri che si dimette per una donazione dell’equivalente di 440 euro da parte di un’anziana coreana, etc.. e ogni volta mi sono detta..è l’ora di scrivere un articolo d’attualità…ma a causa del poco tempo a disposizione ho sempre rimandato…

Questa mattina come di consueto do un’occhiata alle notizie e leggo: terremoto in Giappone.

Subito penso: “è strano che parlino di un terremoto in Giappone, non è certo una novità, ce n’è uno quasi tutti i giorni…” Poi apro l’articolo e mi rendo conto della situazione, non è UN terremoto, è IL terremoto! Più forte del terribile terremoto del Kanto del 1923 e di quello di Nobi del 1891: 8.9 della scala Richter!

Solo qualche mese fa stavo leggendo il manga in 5 volumi “51 modi per salvarla” proprio su un ipotetico terremoto nella baia di Tokyo, molto realistico, e quindi a questa notizia subito la mia mente mi riporta a scenari apocalittici. Mi preoccupo per i miei amici in Giappone, fortunatamente però sono tutti sani e salvi, anche se comprensibilmente preoccupati e impauriti. Le scosse sono iniziate nel primo pomeriggio e continuano anche adesso (anche se meno intense), alle 2 di notte. Senza contare lo tsunami, che forse è quello che ha fatto i danni peggiori.

I giapponesi per fortuna sono un popolo forte psicologicamente, che si preparava da anni a questo. Non c’è un solo individuo in Giappone che non conosca le procedure d’emergenza, quindi la tragedia per ora è stata contenuta. I palazzi sono tutti antisismici e la popolazione cerca di non farsi prendere dal panico. Purtroppo il numero delle vittime sta salendo. Qua trovate varie informazioni e testimonianze:

http://www.repubblica.it/esteri/2011/03/11/dirette/diretta_terremoto_giappone_11_marzo-13459049/?ref=HREA-1

http://www.marcotogni.it/

http://www.ilsecoloxix.it/p/mondo/2011/03/11/AOLXf6D-dopo_incendi_terremoto.shtml

http://www3.lastampa.it/esteri/sezioni/articolo/lstp/392699/

Sono invasa da un senso di impotenza.

Read Full Post »