Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for settembre 2014

Finalmente un progetto che riesco a portare avanti con una certa assiduità!

Per ora sono a bassa risoluzione, in presa diretta e quindi piene di ripetizioni (va beh) di pause (ehm) e di errori, con inquadrature fisse e spesso nemmeno centrate, però inizia a esserci un certo seguito e quindi mi sto armando di santa pazienza per imparare a usare dei programmi di video editing per migliorare il tutto. Onestamente vorrei dedicarmi di più allo studio di come stare davanti a una telecamera e non dietro ad essa, o comunque a scrivere delle sceneggiature per rendere più dinamici e divertenti i video, purtroppo però sto portando avanti il progetto da sola, quindi per ora sfrutterò l’arte di arrangiarsi.

I nuovi video sono i seguenti:

Recensioni manga

Anteprime

Commenti

Come sempre si accettano commenti e consigli, se potete direttamente sul canale, grazie! ^_^

 

 

Read Full Post »

Jindu si trova a Savona, in Piazza del Popolo 15/r e, come avrete capito dal titolo, questa recensione sarà assolutamente positiva, diciamo pure da 8.

Onestamente mi sono sempre trovata bene da loro, sono gentili e il cibo è buono.

Così buono che in realtà avrei voluto scrivere questa recensione un mesetto fa, ma mi sono accorta di essermi dimenticata di scattare le foto da inserire nell’articolo solo dopo aver mangiato quasi tutto! XD

Purtroppo hanno l’abitudine di mettere un enorme mazzo di fiori (gigli?) vicino alla cassa e questo è un bel problema per chi è allergico al loro polline, come me ad esempio, per il resto dell’umanità invece è semplicemente un bel tocco di classe.

Fortunatamente hanno un dehor esterno appena ristrutturato e di solito mi faccio sistemare lì, al riparo da pollini nocivi.

Questo ristorante è uno dei pochi di Savona che offre cibo orientale senza il sistema “tutto a volontà” che ormai purtroppo ha contagiato molte attività. Dico “purtroppo” perché questo porta spesso a prezzi economici ma a un calo di qualità evidente e porta a volersi “sfondare” di cibo senza una reale necessità.

Tornando al cibo, la loro cucina cinese è buona e apprezzo molto alcuni piatti tailandesi, ma, visto che quello che ci interessa maggiormente sono i piatti giapponesi, andrò a parlare specificatamente della loro offerta in questo ambito.

Posso chiaramente affermare che la loro zuppa di miso è la più buona di Savona (tra quelle che ho provato, ovviamente). Quella del Pingusto non è malvagia, quella di Sushiko non è nemmeno degna di essere chiamata con questo nome, mentre la loro mi riporta direttamente in Giappone:

Zuppa di miso

Zuppa di miso

Il sapore è intenso e corposo, il tofu non è tagliato in maniera regolare ma ha una buona consistenza ed è abbondante, le alghe sono morbide e si sciolgono in bocca, fantastica! Ed è anche economica, costa solo 2 euro!

Viene offerta un’ampia varietà di sushi e sashimi in varie combinazioni o a porzioni singole, io solitamente prendo il sushi roya, 15 euro per 6 nigiri, 4 hossomaki, 4 uramaki, 2 gunkan e 1 temaki. I prezzi sono onesti, si parte da 3 euro per 2 nigiri per arrivare ai 56 euro della barca grande (62 pezzi compresi 20 di sashimi). Il riso solitamente è ben acidulato e il rapporto riso-pesce non è esagerato a favore del riso come di solito si trova da queste parti (Ridicole palotte di riso con un “cappellino” di pesce, bah!); il pesce è fresco e, anche se non sempre è tagliato perfettamente, l’insieme è abbondantemente sopra la sufficienza.

Questa volta ho preso solo 2 nigiri di anguilla (unagi) a 3,50 euro; a volte sono stati anche più buoni, ma comunque li ho trovati gradevoli; per il resto mi sono saziata con la cucina cinese.

Unagi nigiri

Unagi nigiri

Potete trovare anche il tempura, vari tipi di don, sake yaki, etc, ma questi non li ho mai provati, quindi non vi so dare notizie utili.

Offrono anche il servizio d’asporto, potete quindi prendere quello che volete e consumarlo tranquillamente a casa, ve lo daranno in una scatolina trasparente con wasabi, salsa di soja e zenzero. Se le chiedete vi forniranno anche le bacchette.

Per quanto riguarda i dolci hanno i soliti “da ristorante cinese”, in più però hanno il sushi dessert (ne ho parlato ampiamente qui:  sushi dessert; anche se l’articolo era riferito al ristorante Pingusto il prodotto è lo stesso) ed è l’unico posto dove ho trovato il latte fritto. Alla vista non è molto invitante ma è buonissimo!

Latte fritto

Latte fritto

Ecco, lo sapevo, ho di nuovo voglia di andare a mangiare da loro e sono solo le quattro del pomeriggio!!!

Read Full Post »

Si alza il vento (Kaze tachinu)

Preparate i fazzoletti perché le lacrime scenderanno copiose durante la visione di questo capolavoro dell’animazione, forse l’ultima opera di Miyazaki. Dico forse perché sono anni che sento parlare di un suo ritiro ma poi puntualmente ritratta e produce una nuova meraviglia, voglio illudermi che anche questa volta sia così.

si alza il vento

Ovviamente il cinema Diana di Savona ha deciso di non metterlo in programmazione e quindi mi sono dovuta avventurare fino a Genova per poterlo vedere (ringrazio i miei compagni di visione!).

Tra citazioni colte come “Le vent se lève!… il faut tenter de vivre” (Paul Valèry-Il cimitero marino), filo conduttore di tutta l’opera, riferimenti alla Montagna magica di Thomas Mann, passando per il paradosso di Achille e la tartaruga (che mi ha tormentato durante le superiori) si sviluppa una storia di delicati sentimenti e forti emozioni con i tipici disegni dello studio Ghibli, ricchi di splendidi giochi di riflessi e di ombre che non possono che affascinare lo spettatore.

In questo film d’animazione si possono trovare echi di tutta la produzione di Miyazaki, in particolare mi è venuto subito in mente “Conan il ragazzo del futuro” vedendo una delle scene iniziali dove il protagonista corre sul tetto e ovviamente “Porco Rosso” durante le scene di volo; un altro omaggio alla nostra Italia (il conte Caproni!), tanto amata dal regista.

Potrei parlarvene per ore, ma preferisco chiudere il mio block notes con gli appunti presi con difficoltà nel buio della sala cinematografica per dirvi semplicemente di andarlo a vedere, ne vale veramente la pena, anche se il biglietto costa 10 euro e lo terranno in programmazione ancora fino a domani, 16 settembre.

Vi lascio con il trailer mentre vado ad asciugarmi la lacrima che sta cercando di scendere furtiva mentre ricordo alcune scene del film…

 

Read Full Post »