Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Anime’ Category

Girando per il web ho trovato questa splendida chicca:
La parodia in dialetto genovese di Mazinga Z, assolutamente da vedere! XD
Sigla e primo episodio:

E secondo episodio:

A breve dovrebbe uscire anche il terzo prodotto!

Il link al sito dei fantastici creatori di questa geniale idea : www.bernardaweb.com

Read Full Post »

Il castello errante di Howl

Il castello errante di Howl
Il castello errante di Howl

     

Altra segnalazione: domani, lunedì 29 dicembre, su rai 3, alle ore 21.10 circa, andrà in onda Il castello errante di Howl ( Hauru no Ugoku Shiro ideo-howl ), capolavoro dello studio Ghibli, con la regia di Hayao Miyazaki.

Uscito nelle sale cinematografiche nel 2005, anno in cui il maestro Miyazaki ricevette il leone d’oro alla carriera, questo film d’animazione vinse numerosi premi e a mio parere può essere considerato la sua creazione più evocativa.

 Si narra la storia di Sophie, una giovane ragazza che lavora nel negozio di cappelli ereditato dal padre. L’incontro con l’affascinante mago Howl cambierà la sua tranquilla esistenza in un’avventura fantastica, dove magia,  amici veri e sentimenti profondi l’ aiuteranno ad affrontare le difficoltà che le si pareranno davanti.

Come al solito non vi svelo altro della trama per non rovinare la sorpresa a chi non l’avesse ancora visto.           
Consigliato a tutti, bambini e soprattutto adulti!  ^_^

Read Full Post »

Un bel commentino al sito Mahou (che se non sbaglio dovrebbe significare magia, stregoneria o qualcosa del genere).  Ecco il link:  www.mahou.org

Questo sito, in lingua inglese, si occupa di fansub, ovvero di sottotitolare anime, cosa che apprezzo molto perchè grazie a loro e a molti altri anche chi non conosce la lingua giapponese può godersi le nuove produzioni nipponiche, anche quelle che non arriveranno mai in Italia. Non ho ancora ben capito quanto sia legale, dovrebbe esserlo finchè non vengono acquistati i diritti del prodotto nel paese della lingua di traduzione, ma la cosa non è chiara…

Interessante la sezione showtime, dove si può trovare un elenco di tutti gli anime attualmente trasmessi in Giappone, compresi quelli terminati da poco e quelli che stanno per iniziare.

Ma il motivo principale per cui cito questo sito è per le splendide e utilissime sezioni Dictionary e Kanji.

Nella prima basta scrivere una parola in inglese, in romaji o direttamente in giapponese (kanji o kana) e avrete la definizione (sempre in inglese, ovviamente).

Nella seconda potete copincollare qualsiasi kanji a voi sconosciuto e potrete avere tutte le informazioni possibili e immaginabili su di esso, comprese le frasi dove può essere inserito e l’ordine di scrittura dei tratti.

Praticamente fantastico, lo utilizzo spesso! Se dovessi dargli un voto gli darei un 10+!

Veramente consigliato

Read Full Post »

Corvo giapponese, foto by Sabrina Travi

Corvo giapponese, foto by Sabrina Travi

Spesso vediamo comparire dei corvi (karasu 烏) nei manga o negli anime (ad esempio in City Hunter) per sottolineare una situazione imbarazzante o comunque quando un personaggio fa qualcosa di stupido. Questo è perchè il suono onomatopeico del verso del corvo in giapponese è “Ahou Ahou” che tradotto suona più o meno come “idiota idiota”.

Un altro motivo è perché il Giappone è pieno di corvi! Enormi!! Non so dalle altre parti, ma a Kyoto e a Tokyo dominavano incontrastati! Non vi dico nel parco di Ueno!! Migliaia!!

Ecco un video interessante sulle abitudini dei corvi metropolitani! Amando le noci, ma non riuscendo ad aprirle lasciandole semplicemente cadere dall’alto, i corvi hanno studiato un ingegnoso sistema: lasciano che siano le ruote delle macchine a romperle! Ma come fare per non rimanere schiacciati loro stessi? Basta farle rompere su un passaggio pedonale! Quando il semaforo è verde per i pedoni è il momento giusto per correre a nutrirsi! (penso che facciano riferimento al suono del semaforo più che al colore…i corvi vedono i colori? Mah..onestamente non lo so….)

Commento di David Attenborough (il Piero Angela britannico), video della BBC:

Esiste anche una figura mitologica legata al corvo: il Tengu…ma di questo parleremo un’altra volta….

Read Full Post »

Nodame cantabile

NOdame cantabile

Nodame cantabile

Quando mi piace questo anime! Ho appena terminato di vedere la prima serie, 23 puntate, e ho scoperto che esistono anche il manga e il drama (oltretutto l’anime è del 2007, mentre il drama è del 2006).

Assolutamente consigliato a tutti, ma soprattutto agli amanti della musica classica!

Nessuno ha ancora acquistato i diritti per l’Italia, perciò per ora si può trovare solo in lingua giapponese sottotitolato in italiano o in inglese.
Trovo molto divertente sentire usare i termini relativi alla musica in italiano!
Parlando con un mio amico giapponese che ha studiato musica ho scoperto che è proprio così: allegretto, andante…etc. etc….e lui pensava che fossero termini francesi! 🙂
I protagonisti sono Shinichi Chiaki, musicista di grande talento che sogna di diventare un direttore d’orchestra, bloccato dalla sua fobia per gli aerei (rimanendo in Giappone la sua carriera ne risentirebbe molto, visto che la patria della musica classica è l’Europa) e Megumi Noda, pianista di incredibile talento, ma disordinata, pasticciona, molto strana e che ama suonare a orecchio, ignorando gli spartiti. Entrambi frequentano il conservatorio Momogaoka e sorpresa sorpresa…sono anche vicini di casa. Non dico di più per non rovinare la visione a chi ha intenzione di gustarsi questo splendido anime, vi lascio con il video del pezzo che ho apprezzato di più, il concerto per piano n° 2 di Rachmaninoff, veramente da pelle d’oca!
Dovrebbe partire a breve il sequel intitolato Nodame cantabile: Paris. Non vedo l’ora!
Nel frattempo mi godrò il drama..Vi saprò dire!

Read Full Post »

Ledificio della Nihon ki-in

L'edificio della Nihon ki-in

Ebbene sì, in Giappone ho visitato la Nihon ki-in (日本棋院)! La maggior parte di voi penserà :- E quindi?- Ma gli appassionati di go forse mi invidieranno un po’…perché stiamo parlando della sede dell’associazione giapponese di go di Tokyo, che gestisce le attività professionistiche relative al go, organizza i tornei più importanti, attribuisce i gradi dei giocatori e forma gli insei, ovvero i futuri aspiranti giocatori professionisti di go. Viene mostrata molte volte nel manga e nell’anime di Hikaru no go .

Per par condicio citerò anche la sua concorrente, la Kansai ki-in (関西棋院) .

Ecco il link al sito della Nihon ki-in (versione inglese): http://www.nihonkiin.or.jp/index-e.htm

E quello ad un sito che mi sembra interessante, basato sulle esperienze di un insei (sempre in inglese):

http://www.361points.com

Purtroppo, non avendo molto tempo a mia disposizione ed essendo un po’ intimidita dalla serietà del luogo, ho visitato solo il piano terra dove c’è un piccolo museo sul go e ho fatto una capatina al negozio, che se non ricordo male è al quinto piano, dove ho acquistato 2 bellissimi libri sul go. C’erano dei goban splendidi, ma che prezzi!! Presumo che fossero in legno kaya…

Per chi si trovasse a Tokyo e volesse visitare la Nihon ki-in ecco una mappa:

Mappa per arrivare alla Nihon ki-in

Mappa per arrivare alla Nihon ki-in

Non è stato difficile trovarla, ma non lasciatevi ingannare dalle foto e dalla mappa, è situata in una stradina molto stretta e il palazzo è molto più piccolo di quello che sembra!

Read Full Post »

Hikaru no go

Hikaru no go-copertina dellundicesimo volume
Hikaru no go-copertina dell’undicesimo volume

La mia passione per il Gioco del go è nata da questo fantastico fumetto, scoperto per caso!

Un giorno mi è capitato tra le mani il primo volumetto…Guardo la copertina e penso…Wha…guarda sto tipo con i capelli mezzi biondi…gioca a go? e cos’è il go?…bah…Questo manga sarà un’imitazione di Yu-gi-ho…va beh…leggiamo…
Dopo poche pagine mi sono veramente pentita dei miei primi commenti! Brutta cosa l’ignoranza! Il manga è fantastico, basti pensare che il disegnatore è Takeshi Obata…Vi dice niente il titolo Death note? Ovviamente le atmosfere sono un po’ diverse…Anche perché l’autore è diverso…anzi l’autrice: la maestra Yumi Hotta. Supervisionata da Yukari Umezawa giocatrice professionista giapponese 5° Dan.
Lo consiglio veramente a tutti! Leggendolo potrete imparare molto, sia sulle regole del gioco, sia sulla cultura giapponese.
Questo manga ha contribuito a diffondere la conoscenza del gioco del go anche all’estero e soprattutto lo ha fatto riscoprire anche ai giovani giapponesi, che iniziavano a considerarlo un gioco “da anziani”.
Qui di seguito la prima parte della prima puntata dall’anime, che ricalca abbastanza fedelmente il manga, ormai di difficile reperibilità in Italia, visto che alcuni numeri sono esauriti (speriamo in una ristampa a breve!). Su YouTube le dovreste trovare tutte, però subbate in inglese o spagnolo….Per l’italiano dovremo aspettare ancora un po’ temo…
Adoro anche le sigle!!
Attendo commenti!

Read Full Post »

« Newer Posts