Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Arte giapponese’ Category

A chi si trovasse nei dintorni del Principato di Monaco nei prossimi giorni, oppure a chi è disposto a percorrere qualche chilometro in più per tutto ciò che riguarda l’amato Paese del Sol Levante, consiglio caldamente una visita alla mostra sul Giappone allestita presso il Grimaldi forum che durerà fino al 12 settembre.

Trovate tutte le informazioni specifiche sul sito dedicato:

http://www.grimaldiforum.com/it/manifestazioni-culturali-montecarlo/agenda/mostra-kyoto-tokyo-dai-samurai-ai-manga-10

e sulla cartella stampa della mostra:


http://www.grimaldiforum.com/images/evenements-culturels-monaco/101-presse-it-mostra-kyoto-tokyo-dai-samurai-ai-manga.pdf

Putroppo all’interno non è stato possibile scattare fotografie, quindi accontentatevi di questo enorme Naruto che vi attende all’ingresso:

ingresso Grimaldi Forum-Naruto

Il tema è , appunto, “dai samurai ai manga”. Ho trovato molto gradevole l’ambientazione, si parte da un’atmosfera molto scura con luci soffuse e opere prestigiose fino ad arrivare ai manga e agli anime in un’atmosfera molto più luminosa e moderna. Il tutto è corredato da spiegazioni molto interessanti sulla storia del Giappone. Troverete Kabuto (elmi) e kimono favolosi, maschere del teatro no, armature…

Il percorso è da Kyoto a Tokyo, passando per la storica via di Tokaido. Proprio sulla via Tokaido ho avuto il piacere di confrontare alcune delle opere di Hiroshige “le 53 stazioni di posta della Tokaido” con le trasposizione umoristica del famoso mangaka Shigeru Mizuki, famoso per “Gegege no Kitaro” Intitolata “Le 53 stazioni della Yokaido” ovvero la via degli Yokai (demoni , fantasmi, mostri).

Notevoli anche le tavole originali esposte dei mangaka Hiroshi Hirata, autore di “Satsuna Gishiden”, Kazuo Kamimura e Koike di “Lady Snowblood” e Jiro Taniguchi con il suo “Ai tempi di Bocchan”.

Particolare la parte dedicata alle varie versioni del casco di Kamen Rider e ai burattini di Kihachiro Kawamoto.

La mostra tocca anche altri temi come l’architettura, il cinema e la fotografia, insomma, da visitare assolutamente!!

Non dimenticate di visitare anche il giardino giapponese di Monaco, a un passo dalla fiera!

Annunci

Read Full Post »

Su segnalazione di un gentile lettore (grazie Marco!!) vi informo della presenza, presso il  sottoporticato del Palazzo Ducale di Genova, di una mostra mercato sull’artigianato giapponese intitolata “I Segni e le mani”, che durerà fino al 24 febbraio. L’orario è dalle 10.00 alle 18.00 e l’ingresso è libero.
A seguito il depliant della mostra:

I segni e le mani

e il link al sito di Palazzo Ducale:

http://www.palazzoducale.genova.it

Appena riuscirò a visitarla vi darò ulteriori informazioni ^^

Read Full Post »

Vi segnalo il seguente evento:

Venerdì 5 febbraio alle ore 18.00 nella sala rossa del comune di Savona si terrà la presentazione della nuova guida di Tokyo scritta da Anna Cenerini Bova, avvocato, che ha vissuto in Giappone dal 2003 al 2008 insieme al marito, Ambasciatore d’Italia.

Guida di Tokyo

Il volume, realizzato in collaborazione con Lucia Cenerini e Luminita Brebenel, è una guida un po’ diversa dalle solite, che presenta il Giappone non solo in maniera turistica, ma propone anche la partecipazione alla vita giapponese, condividendo esperienze culturali e tradizionali, dando importanza anche a particolari architettonici e naturalistici e non dimenticando la cucina giapponese che ci piace tanto!! ^^ Il tutto sempre in una chiave di lettura vicina alla sensibilità europea.

Non mancate!

Ovviamente il libro sarà presto disponibile presso il negozio Higashi no kaze! Per prenotare la vostra copia o per avere ulteriori informazioni: info@higashinokaze.com

Read Full Post »

foto presa dal sito architettura e viaggi

foto presa dal sito architettura e viaggi

Non sono un’esperta di architettura, anche se l’argomento mi affascina molto.

Su questo sito ho trovato un’ampia sezione dedicata all’architettura giapponese, commentata da chi ha deciso di dedicare un viaggio di più di 20 giorni alla visita delle più importanti strutture architettoniche giapponesi.

http://www.architetturaeviaggi.it/web_035.php

Assolutamente consigliato a chi vuole approfondire la conoscenza architettonica di ciò che ha visto o vorrebbe vedere durante un viaggio  nello splendido Paese del Sol Levante!!

Nella galleria fotografica troverete non solo delle splendide immagini, ma anche dati tecnici e storici, mentre nelle varie sezioni potrete consultare interessanti articoli sui lavori dei più importanti architetti a Tokyo, sulla struttura delle case e dei giardini zen  e sui vari periodi delle arti giapponesi.

Read Full Post »

 Finalmente domenica 18 gennaio sono riuscita a visitare il primo ciclo della mostra Animalia Japonica!

Purtroppo non ho avuto il tempo per scrivere subito un articolo “a caldo” per voi, quindi se troverete qualche imprecisazione sarà dovuta alla mia scarsa memoria… in questo caso si accetteranno correzioni ^_^

Non mi soffermo a descrivervi le fantastiche statue, armature, kabuto (elmi) e oggetti che potete osservare in esposizione fissa al Museo Chiossone, vado direttamente alla mostra temporanea:

al primo piano potrete osservare delle delicatissime xilografie policrome che hanno come tema le carpe.

La carpa

La carpa

Sono relativamente recenti, risalgono al 1996. La prima è accompagnata dai seguenti versi:

Guizza la carpa

Trasparenze d’acqua

Forza vitale

Per gli esperti, cosa che io non sono, sarà utile sapere che sono state utilizzate le seguenti tecniche:

nishiki-e, kimpaku, bokashi, kirazuri, mokotsu (se qualcuno volesse scrivere qualche spiegazione per queste tecniche sarebbe ben accetto ^_^)

 

All’entrata il custode vi dirà di salire dalla scala che si trova sulla destra…onestamente non capisco il perchè…lui dice per non perdere le carpe…ma in questo modo vi ritroverete a vedere prima la seconda parte e poi la prima…e in effetti le carpe si potrebbero vedere anche alla fine…in ogni caso questo non è un grosso problema…l’ordine delle sezioni non è così importante, la cosa più importante è avere la possibilità di osservare dal vivo le rarità esposte!

Ma andiamo con ordine:

seguendo le indicazione del custode, dopo aver ammirato gli splendidi oggetti di cui (non) abbiamo già parlato, vi ritroverete all’ultimo piano e finalmente potrete godervi l’esposizione “Animalia Japonica” II sezione, con il tema ”La foresta, messaggeri degli dei e misteriosi abitatori delle foreste e della dimensione magica”

Nello specifico:

Foresta: cervo, cinghiale, lepre, lupo, orso, scoiattolo

Magia: kappa, tengu, tanuki, kitsune

La spiegazione la troverete vicino alle scale, dalla parte opposta rispetto a dove salirete.

Nelle bacheche potrete ammirare dei bellissimi bronzi e statue di legno cinesi e giapponesi dei secoli XVIII-XIX (il mio preferito è una tartaruga del periodo Edo, carinissima!), piatti di porcellana, numerosi netsuke (portaoggetti mirabilmente intagliati), tra i quali anche uno raffigurante un tanuki che soffoca un cacciatore sotto il suo enorme scroto (!), divertentissimo! E delle interessantissime stampe ukiyo-e, tra le quali: “Parodia al femminile, otto immortali” di Utagawa Kuninaga, “Urashima Tarō che lascia il palazzo del re Drago” di Tsukioka Yoshitoshi

Urashima Tarō che lascia il palazzo del re Drago

Urashima Tarō che lascia il palazzo del re Drago

“Tsuri-gitsune, volpe travestita da prete davanti alla trappola” di Utagawa Hiroshige, “Kintarō arbitra un incontro di sumo tra lepre e scimmia” di Kuniyoshi,

Kintarō che arbitra un incontro di sumo tra lepre e scimmia

Kintarō che arbitra un incontro di sumo tra lepre e scimmia

“Kintarō lotta per gioco con un orso” di Utagawa Kunisada, “Battuta di caccia di Yoritomo alle pendici del monte Fuji” di Katsukawa Shun’ei e la relativa perodia “Eizan della battuta di caccia di Yoritomo interpretata da bambini” di Kikugawa.

Troverete anche delle matrici per tintura del periodo edo rappresentanti animali (pavoni, leoni) e fiori e un enorme rotolo di tessuto con un dragone (se ricordo bene ricamato o comunque intessuto)

Si passa quindi alla sezione I, al piano inferiore, sugli “Abitatori del mito, del mondo dello spirito e di paesi lontani, ovvero:

Il mito e lo spirito: drago, fenice, kirin ( solitamente rappresentata come una specie di chimera fra un dragone e un cervo con la coda di un bue e gli zoccoli di un cavallo) e tartaruga, ovvero le quattro creature spiritualmente dotate, che rappresentano gli animali squamosi, piumati, pelosi e corrazzati.

Drago= est, primavera, verde/azzurro, acqua

Fenice=sud, estate, rosso, fuoco

Kirin= ovest, autunno, bianco, vento

Tartaruga= nord, inverno, nero, terra

 

Paesi lontani: elefante, leone, tigre, pavone

 

tigre e bambù sotto la luna piena

tigre e bambù sotto la luna piena

 
Nelle bacheche potrete quindi osservare vari kakemono (rotoli da appendere) tra i quali “Tanuki della leggenda della cuccuma stregata” di Katsushika Hokusai, “Tigre e bambù sotto la luna piena” sempre di Katsushika Hokusai, “Parodia femminile a capodanno: la divinità della fortuna su barca a forma di drago” di Kitagawa Utamaro

Presenti anche frammenti tessili , un grande piatto, altre matrici e una giacca da guerra con drago ed emblema dei Tokugawa.

Il percorso prosegue con le splendide armature, fino a ritornare al piano terra, dove potrete lasciare un vostro commento scritto, spero entusiasta, sul quaderno all’uscita.

 

Questa mostra mi ha regalato spunti per molti articoli, a presto quindi per informazioni su animali mitologici e leggende giapponesi!!

Read Full Post »